Sconto 50% servizi Fattura Elettronica

A chi è rivolta la fatturazione elettronica?

La fatturazione elettronica è un sistema di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture completamente digitale. Non necessitando di supporti cartacei permette di risparmiare tutti i costi relativi a stampa, spedizione e conservazione negli archivi fisici, che spesso ne limita oltretutto anche la consultazione.

A partire dal 1 Luglio 2018 è scattato l'obbligo di fatturazione elettronica per i subappaltatori delle Pubblica amministrazioni, ma già dal 2015 tutte le fatture emesse direttamente nei confronti delle pubbliche amministrazioni avevano l'obbligo di essere redatte in forma elettronica secondo la normativa.

Per i rapporti commerciali B2B, intervenuti cioè tra due soggetti privati come ad esempio due aziende o una azienda ed un professionista, la normativa ha stabilito che la fatturazione elettronica entrerà in vigore dal 1 gennaio 2019. A partire da questo giorno, pertanto, tutte le fatture scambiate tra soggetti aventi partita iva come ad esempio ditte individuali, aziende, professionisti, commercianti ed artigiani, avranno l'obbligo di usare sistemi di fatturazione elettronica conformi alla normativa già esistente (a meno che il soggetto non sia esonerato in quanto beneficiaro di regimi agevolati quali regime forfettario o altre forme previste dalla normativa).

Anche per i rapporti commerciali tra aziende e consumatori finali (B2C) entrerà in vigore l'obbligo della fatturazione elettronica. In questo caso il mittente (titolare di Partita IVA) deve emettere fattura elettronica inserendo il Codice Fiscale del cliente oltre ad un codice destinatario simbolico "0000000", grazie al quale il sistema di interscambio capisce che si tratta di un privato cittadino. SDI inoltra la fattura elettronica al consumatore finale, mettendola a disposizione nella sua area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate. Dopo di che, il fornitore dovrà consegnare o spedire all'acquirente copia della fattura in formato "leggibile", ad esempio in pdf o cartaceo: questo per non obbligare il cliente a registrarsi presso l’Agenzia delle Entrate per effettuare il download della fattura elettronica.

Analogamente al caso dei privati cittadini, anche per i destinatari residenti all'estero vige più o meno lo stesso iter. L'unica differenza sta nel codice univoco da inserire durante le fasi di creazione della fattura, che in questo caso sarà "XXXXXXX".

© 2018 Serviziofatture.it, Via Don Milani 6 - 52011 Soci Bibbiena (AR) - Partita Iva 01819530518
info@serviziofatture.it - Telefono 0575.561989 - Fax 0575.1592046
Powered by Serviziofatture.it

Share this on Facebook Share this on Google Plus Share this on Linkedin